Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Homepage > CERTIFICARE L'IMPRESA > Adempimenti ambientali > MUD

MUD

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2014 .
Il provvedimento contiene il modello e le istruzioni per la presentazione delle Comunicazioni entro il 30 aprile 2014, con riferimento all'anno 2013.

Pubblicazione sulla G.U.del 27 dicembre 2013 il D.P.C.M. 12 dicembre 2013 (in formato pdf 133 kB).

Consulta tutte le informazioni pratiche e la guida MUD 2014

E' ora disponibile il software per la compilazione delModello Unico di Dichiarazione ambientale 2014, con riferimento alle seguenti Comunicazioni: Rifiuti, Veicoli Fuori Uso (VFU), Imballaggi, Gestori di Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE).

Scarica il software MUD 2014


Sul sito web www.mudtelematico.it è inoltre attiva la funzione di trasmissione telematica del MUD che, come stabilito dalla normativa vigente, è obbligatoria per le suddette Comunicazioni.

Si ricorda che l'unica eccezione all'obbligo di invio telematico del MUD riguarda i soggetti che producono nella propria unità locale non più di 7 rifiuti e, per ogni rifiuto, utilizzano non più di 3 trasportatori e 3 destinatari finali. I produttori di rifiuti che rientrano in questa casistica possono presentare il MUD in forma cartacea tramite la Comunicazione Rifiuti Speciali Semplificata 

Per quanto riguarda invece la Comunicazione Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (AEE), i produttori di AEE e i sistemi collettivi di finanziamento devono compilare la Comunicazione esclusivamente via telematica tramite il sito www.impresa.gov.it, accessibile anche da  www.registroaee.it

La scadenza per la presentazione della comunicazione è il 30 aprile 2014.
La scrivania personale è accessibile dal portale www.impresa.gov.it scegliendo le voci "La mia Scrivania", e poi "Servizi Ambientali" e "Registro AEE".
L'accesso deve essere effettuato mediante firma digitale del legale rappresentante o di altro soggetto precedentemente delegato.
Le informazioni richieste nonché le modalità di compilazione e trasmissione, sono rimaste immutate rispetto al 2013.
Non è previsto il versamento di alcun diritto di segreteria.
Si segnala che nella /Sezione Profilo/ è disponibile una funzione che consente al produttore ed al sistema collettivo di accedere ad un'area dove viene riassunta la propria posizione, evidenziando anche eventuali anomalie
La compilazione è assistita da funzioni di aiuto specifiche per ogni pagina: sul sito www.registroaee.it, nell'area Manuali, potete trovare il manuale per la presentazione della comunicazione.

Infine con riferimento alla Comunicazione Rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione, bisogna compilare la dichiarazione esclusivamente via telematica tramite il sito www.mudcomuni.it

Dal 27 gennaio è stato attivato il portale, accessibile all'indirizzo www.mudcomuni.it, per la compilazione e presentazione della Comunicazione rifiuti urbani prevista dal D.P.C.M. 12 dicembre 2013.

Chi sono i soggetti tenuti
I soggetti istituzionali responsabili del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani e assimilati comunicano le seguenti informazioni relative all'anno precedente:
- la quantità dei rifiuti urbani raccolti nel proprio territorio;
- la quantità dei rifiuti speciali raccolti nel proprio territorio a seguito di apposita convenzione con soggetti pubblici o privati;
 i soggetti che hanno provveduto alla gestione dei rifiuti, specificando le operazioni svolte, le tipologie e la quantità dei rifiuti gestiti da ciascuno;
- i costi di gestione e di ammortamento tecnico e finanziario degli investimenti per le attività di gestione dei rifiuti, nonché i proventi della tariffa di cui all'articolo 238 ed i proventi provenienti dai Consorzi finalizzati al recupero dei rifiuti;
- i dati relativi alla raccolta differenziata;
- le quantità raccolte, suddivise per materiali, in attuazione degli accordi con i Consorzi finalizzati al recupero dei rifiuti.
- Inoltre i Comuni devono comunicare la quantità di rifiuti di apparecchiatura elettriche ed elettroniche raccolte anche tramite i centri di raccolta così come individuati dall'art.6 comma 1 lettera a) e c) del D.Lgs 151/2005.


Ultima modifica: 20/11/2014