Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Homepage > CERTIFICARE L'IMPRESA > Pagare il diritto annuale

Rottamazione delle cartelle di pagamento - Definizione agevolata

La definizione agevolata, cosiddetta rottamazione delle cartelle esattoriali prevista dall’art. 6 del D. L. 193/2016, si applica anche ai ruoli affidati ad Equitalia dalle Camere di Commercio dal 2000 al 2016 per le violazioni relative al diritto annuale.
Il debitore che aderisce entro il 31 marzo 2017 pagherà l’importo del debito residuo senza corrispondere le sanzioni e gli interessi. Entro il 31 maggio 2017 Equitalia comunicherà l’ammontare complessivo della somma dovuta, la scadenza delle eventuali rate, con le relative modalità di pagamento.

Per tutte le informazioni relative alla rottamazione delle cartelle esattoriali rivolgersi a Equitalia.

Servizi online

Servizi on lineper le istanze di annullamento cartelle esattoriali, rimborsi e verifica dei pagamenti è operativo il nuovo servizio che consente di inviare e gestire le pratiche esclusivamente on line.

 


Diritto Annuale 2017

Dal 1° gennaio 2017 sono in vigore i nuovi importi del diritto annuale. Per conoscere gli importi da pagare vai alla sezione Quanto si paga.

Per il pagamento degli anni precedenti gli importi rimangono quelli indicati nelle sezioni Diritto annuale 2016, Diritto annuale 2015 e Anni precedenti.

Cos'e il diritto annuale

Diritto annuale: paga online!Il diritto annuale è un tributo che tutte le imprese iscritte o annotate nel Registro delle Imprese ed i soggetti iscritti al REA devono versare ogni anno a favore della Camera di Commercio competente territorialmente (Art. 18 della L. 580/93 come modificato dal comma 19 dell'art.1 del D. Lgs. 23/2010).

La misura del diritto annuale è stabilita annualmente con decreto interministeriale sulla base del fabbisogno necessario per l'espletamento dei servizi da parte delle camere di commercio. Il diritto annuale è determinato in misura fissa per le imprese individuali e per i soggetti REA mentre è commisurato al fatturato per gli altri soggetti iscritti nel Registro delle Imprese.

Il diritto annuale è dovuto per ciascun anno solare d'iscrizione nel registro delle imprese o nel REA; pertanto, i soggetti che si cancellano dal registro delle imprese e dal REA nel corso dell'anno sono comunque tenuti a versare l'intero importo dovuto, senza possibilità di frazionare lo stesso in relazione ai mesi di effettiva iscrizione nel registro delle imprese o nel REA.

Alle imprese ogni anno viene inviata una lettera informativa con le indicazioni necessarie per la determinazione dell'importo del diritto annuale e le modalità di pagamento.

IMPORTANTE:
Ai sensi della Legge n.449/97, articolo 24 comma 35 , l'avvenuto pagamento del diritto annuale è condizione per il rilascio delle certificazioni da parte del Registro Imprese. In caso di omesso o tardato pagamento si applica una sanzione amministrativa.

Attenzione alle truffe!
Per il pagamento del diritto annuale la Camera di Commercio non emette più i bollettini postali. Il diritto annuale deve essere versato entro la scadenza solo attraverso il modello F24 oppure nel caso di nuova iscrizione di impresa o soggetto REA può essere versato all'atto di iscrizione con la procedura di cassa automatica.
Si raccomanda di diffidare da richieste di pagamento avanzate da organismi privati estranei alla Camera di Commercio.


Ultima modifica: 11/5/2017